Martedì, 21 Novembre, 2017

Morto per uno scambio di provette con un omonimo: medici a processo

Ricoverato per una lombosciatalgia muore per uno scambio di persona a processo 4 medici Morto per uno scambio di provette con un omonimo: medici a processo
Edmondo Ceresa | 14 Novembre, 2017, 00:19

Un banale scambio di provette per un caso di omonimia. E, quest'errore, probabilmente, portò alla morte del bellunese Alberto Giacobbi, di 76 anni.

Il 9 maggio del 2014 Alberto Giacobbi, un 76enne ricoverato per una lombosciatalgia muore.

Svezia-Italia, Ventura: "Sono convinto: andremo ai Mondiali"
Ho grande rispetto per la Svezia ma dall'altra parte c'è l'Italia che vuole e andrà ai Mondiali . Tanti i temi toccati dal ct, anzitutto sullo stato d'animo pre-gara: "C'è grande tranquillità.

"Venne parcheggiato nel reparto di Medicina e sedato - ha raccontato la donna - ebbi il presagio che sarebbe andata a finire male".

Il primo a confermare lo sbaglio umano è stato, in aula, il dirigente medico dell'Usl 1 di Belluno, Raffaele Zanella. "Per un'omonimia la terapia era stata calibrata su una persona che aveva un problema più lieve".