Martedì, 21 Novembre, 2017

Di Maio cancella il confronto in TV con Matteo Renzi

Dallo sgarbo televisivo alla mascalzonata politica Di Maio cancella il confronto in TV con Matteo Renzi
Vindonio Cherico | 09 Novembre, 2017, 00:18

Grasso ha replicato per le rime, con fermezza ma con eleganza. Poi, dopo l'esito del risultato in Sicilia, Di Maio ha scelto di annullare la propria partecipazione al duello, affermando che Renzi non è più uno sfidante per la corsa a Palazzo Chigi. "E comunque il premier lo deciderà il Parlamento". Dato che abbiamo perso il referendum, il presidente del Consiglio - come recita la Costituzione - verrà nominato dal capo dello Stato. I due leader di Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, infatti, si sarebbero dovuti confrontare ieri sera su La7, area scelta dal vice-presidente della Camera. "Mi ci hanno messo due milioni di voti alle primarie".

Non esiste una problema legato al candidato premier del centrosinistra. Il motivo del forfait, dice Di Maio, è che Renzi "non è più il nostro competitor", in quanto "il Pd è politicamente defunto".

Filma in diretta Facebook agonia vittima, procura Rimini apre inchiesta
Una tragedia raccontata in diretta facebook , postata sulla sua pagina ma anche su gruppi cittadini. Successivamente ha dichiarato di voler condividere il suo dolore.

Il mancato scontro televisivo tra Luigi Di Maio e Matteo Renzi è senz'altro l'argomento del giorno. Si era ipotizzato un confronto indiretto con Di Battista, che però sarà ospite martedì prossimo. Ora è il tempo di costruire una coalizione di centrosinistra competitiva e di non perdersi in discussioni fantasiose ed autolesioniste.