Martedì, 21 Novembre, 2017

Torino, incidenti in piazza San Carlo: svolta nelle indagini

Incidenti piazza San Carlo avvisi di garanzia Piazza San Carlo, in arrivo un gran numero di avvisi di garanzia
Vindonio Cherico | 06 Novembre, 2017, 00:12

In piazza San Carlo a Torino, i tifosi della Juventus e appassionati di calcio si erano ritrovati per vedere il big match. Sarebbero una ventina gli indagati, tutti fra i vertici della città, per i quali sarebbe anche cambiata la gravità delle accuse.

Non è escluso, anzi è molto probabile, che tra i destinatari ci sia anche la sindaca Chiara Appendino peraltro già indagata a causa delle denunce presentate contro di lei da alcuni feriti. Sono circa duecento le persone ascoltate in questi mesi come testimoni da polizia e magistratura, che hanno raccolto numerosi documenti e verbali. Ai reati già contestati, lesioni e omicidio colposo, si aggiungerebbe anche l'aggravante di avere agito in concorso tra più persone.

Sembrava che i sanguinosi segni della drammatica serata fossero stati dimenticati, ed tutto si fosse concluso con delle semplici dimissioni riparatrici. Chi doveva dare le direttive e chi doveva attuarle. Ricordiamo che dopo la tragedia costata la vita a Erika Poletti i pm Vincenzo Pacileo e Antonio Rinaudo hanno aperto due fascicoli di indagini.

Grande Fratello Vip, Gianluca Impastato: "Io vittima di un'ingiustizia"
Mi ha chiamato Diego Abatantuono dicendomi che si capiva che ero in buona fede e non si trattava di un'imprecazione . Inoltre ha ribadito di aver citato una battuta dell'amico Diego Abatantuono durante il momento incriminato.

Le aree perimetrali alla piazza stessa sono state occupate dai chioschi ambulanti, diventando un possibile e pericoloso tappo per l'uscita. "Se ho già ricevuto l'avviso?" Altro capitolo: la mancata sorveglianza del parcheggio sotterraneo che, da disposizioni, andava presidiato e da cui sono passati gli abusivi con lattine e bottiglie in vetro, risalendo dalle scale di servizio direttamente in mezzo alla piazza, sfuggendo così a qualunque controllo. Le responsabilità che via via emergono dalle indagini in corso, però, sembrano coinvolgere diversi esponenti delle istituzioni locali: Comune, Questura, Prefettura e vari organi di vigilanza.

A breve la Procura notificherà gli atti giudiziari messi a punto in queste ultime ore.