Martedì, 21 Novembre, 2017

Catalogna indipendente, "atto criminale"

Catalogna, “Puigdemont destituito entro sei mesi” Rajoy: “L'art. 155 è stato attivato per colpa sua” Barcellona: il Parlament dichiara l'indipendenza della Catalogna
Vindonio Cherico | 29 Ottobre, 2017, 01:52

Al voto, a scrutinio segreto, hanno partecipato solo i partiti indipendentisti, mentre gli altri (popolari, socialisti e Ciudadanos) hanno abbandonato l'aula. "Lo stato di diritto restaurerà la legalità in Catalogna". Lo Statuto di Catalogna prevedee che il presidente della Generalitat venga giudicato dalla Corte suprema catalana per i reati commessi nella regione autonoma e presso il Tribunale supremo di Madrid per quelli commassi all'esterno.

Immediata la reazione del Governo centrale di Rajoy, che definisce la votazione come "un atto criminale".

"Chiedo a tutti gli spagnoli di rimanere tranquilli". Immediatamente dopo la votazione presso il Parlamento catalano, in migliaia si sono riversati per le strade del centro di Barcellona, in primis davanti alla sede del Governo, esibendo bandiere indipendentiste ed intonando cori a sostegno della Repubblica catalana. Rajoy spiega: "Faremo le cose per bene, con misura, con efficacia". Non siamo disposti a tollerare che ci sia gente che vuole liquidare la nostra Costituzione.

Intanto il Paese si mobilita, nell'uno e nell'altro senso. È stato il premier, Mariano Rajoy, a dare notizia delle misure decise dal suo esecutivo, parlando al palazzo della Moncloa dopo un Consiglio dei ministri straordinario.

Berlusconi a Ravello, è testimone di nozze di Marianna Pascale
Le decorazioni floreali sono sobrie e delicate, un misto di rose, ortensie e orchidee nelle sfumature del bianco e rosa pallido. Berlusconi oggi pomeriggio sarà testimone insieme a Francesca Pascale delle nozze della sorella di quest'ultima.

Il presidente dell'Europarlamento Antonio Tajani ha scritto in un comunicato che "La dichiarazione d'indipendenza votata dal Parlamento catalano è una violazione dello Stato di diritto, della Costituzione spagnola e dello Statuto dell'Autonomia Catalana, che sono parte del quadro normativo dell'Unione europea".

Coloro che esercitano un ruolo 'subalterno' rischiano fra i 10 e i 15 anni di carcere e per i meri partecipanti sono previste condanne fra i 5 e i dieci anni di detenzione.

Destituzione del presidente catalano Carles Puigdemont e di tutti i suoi consiglieri, convocazione di elezioni per il 21 dicembre, scioglimento del Parlament per evitare un eventuale dibattito sull'investitura di un nuovo presidente.