Martedì, 21 Novembre, 2017

Marco Della Noce, ex comico di Zelig: "Ho perso tutto"

Un gruppo di amici attori si è mobilitato per organizzare uno spettacolo di raccolta fondi per il mitico meccanico della Ferrari Il comico di Zelig, Marco Della Noce, costretto a vivere in macchina dopo il divorzio dalla moglie
Aida Italiano | 21 Ottobre, 2017, 00:20

Secondo Tiziana Franchi, infatti, "si fatica a mantenere una figura genitoriale adeguata, e spesso se non ci si può permettere una casa abbastanza grande non si riesce a ottenere il permesso di pernottamento per i bambini, che quindi trascorreranno meno tempo con il genitore".

La notizia pubblicata da Il Giorno racconta come la parabola di Sochmacher - il comico Marco Della Noce - sia precipitata.

Della Noce è stato sfrattato dalla sua casa in zona Monza/Brianza e ha chiesto aiuto ai servizi sociali.

Callejon: "Crediamo nello scudetto. Può essere l'anno giusto"
Abbiamo appena iniziato la stagione e dobbiamo andare avanti così fino alla fine, giocando bene avremo qualche possibilità". Infine sul 'caso Piqué' , l'attaccante del Napoli ha detto: " E' difficile per tutti , per lui e per la gente".

Il comico e doppiatore, considerato tra gli artisti più divertenti del panorama italiano, in seguito ai problemi del divorzio ha subito dei contraccolpi sul suo lavoro quotidiano. "L'attore - spiega l'avvocato - irresponsabilmente ha sperperato quanto accumulato nei momenti più felici della propria carriera per ragioni che nulla hanno a che vedere con la separazione" e "anche nel momento in cui era all'apice della propria carriera, è sempre stato 'restio' ad adempiere ai propri obblighi di mantenimento dei figli". Nel frattempo dovevo arrangiarmi.

"Dopo trentacinque anni di cabaret ora piango per una situazione che non auguro a nessuno". Ha perso tutto, dopo la separazione dalla moglie. Una situazione paradossale, visto che non potendo lavorare, lo showman non può nemmeno pagare gli alimenti all'ex coniuge. Un fulmine a ciel sereno.

Il provvedimento attuato dalla moglie, "ha quasi azzerato la mia visibilità professionale. Le televisioni e le agenzie mi hanno chiuso la porta in faccia così come molti colleghi hanno preferito ignorarmi", ha rivelato il cabarettista. Fortunatamente qualcuno mi è rimasto vicino. Della Noce adesso aspetta la decisione dei giudici, ai quali ha chiesto una revisione della cifra disposta per il mantenimento. La Cassazione poi ha stabilito che bisogna assicurare al minore il tenore di vita in misura analoga a quello già goduto prima della crisi coniugale dei genitori.