Venerdì, 20 Ottobre, 2017

CorSera - Montella ha un piano di crescita graduale per André Silva

Kalinic-Andrè Silva Montella sceglie il doppio attaccante per creare pericoli in zona gol Milan, Montella: 'Rosa costruita per giocare a 3, bene Silva e Calhanoglu. Sconfitta di Roma salutare'
Marzia Fragale | 18 Settembre, 2017, 00:19

Contro l'Austria Vienna Calhanoglu ha fatto vedere tutto ciò di cui è capace. Ecco l'esito finale della prima partita di Europa League per i rossoneri che hanno iniziato questa sera alle 19 la loro nuova avventura europea. La vera nota lieta della serata è stata l'ottima prova di Hakan Calhanoglu: il turco ha una versatilità tattica preziosissima per qualsiasi allenatore, visto che può giocare da interno di centrocampo, da mezzala, da trequartista e perfino da terza punta. La posizioni del Milan non è mai stata in discussione, la gara è stata indirizzata fin da subito, ma era importante dare un segnale, soprattutto con il nuovo modulo.

Juve, Allegri: Dybala straordinario "E non esiste nessun caso Higuain"
INIZIA IL DYBALA SHOW - La Juve parte convinta, padrone del campo con l'argentino e il colombiano particolarmente ispirati. Sono sicuro che si rivelerà un giocatore importante, anche perché dobbiamo arrivare fino in fondo e c'è bisogno di tutti.

Una disattenzione che però viene immediatamente coperta dal terzo gol di Andrè Silva che, servito da Kessie, è bravissimo a mantenere la freddezza sotto porta e a ristabilire le distanze siglando il 4-1. E sulle prestazioni, sui gol e sugli assist molto dipenderà della stagione del Milan e del futuro di Montella: lui lo ha voluto, preferendolo a Belotti (contro i primi pensieri di Fassone e Mirabelli), e potrà goderne gli onori ma subirne eventualmente gli oneri se qualcosa dovesse andare storto. Il ritorno ai gironi è stato molto positivo per i ragazzi di Montella, che nel giro di venti minuti avevano già archiviato la pratica con i tre reti. E se le indiscrezioni venissero confermate, Andrè Silva diventa ufficialmente un caso: neppure la tripletta al Prater gli varrebbe un posto da titolare. Sì, potrebbe succedere. Montella, infatti, ha un piano di crescita graduale per il portoghese, che ha le caratteristiche per diventare un fortissimo centravanti, ma che deve ancora prendere le misure alla Serie A. Inoltre, il tecnico rossonero non ha intenzione di rinunciare facilmente a uno come Suso, che nel 3-5-2 agirà da seconda punta.