Mercoledì, 22 Novembre, 2017

Raiola: "Donnarumma? Ventura non ha il coraggio di lanciarlo in Nazionale"

Raiola, durissimo botta e risposta con Mirabelli Raiola, stoccata al Milan: “Fassone e Mirabelli? Non credo nel loro progetto”
Marzia Fragale | 13 Settembre, 2017, 00:08

Prosegue la guerra verbale tra la dirigenza del Milan e Mino Raiola. Perché spesso c'è qualcuno che non vive più della percentuale degli stipendi che arrivano nelle casse degli agenti, bensì dalle commissioni per arrivare alla firma di questo e quello. Raiola è l'agente di Donnarumma, ma anche di Bonaventura, Abate e altri giovani.

Roma-Inter 1-3, Di Francesco: "Siamo stati ingenui. Su Perotti era rigore"
Abbiamo giocato una buona partita - ha esordito il tecnico giallorosso a Sky Sport - e il risultato è bugiardo. O dai il rigore o non lo dai, Skriniar non tocca la palla.

E rimanendo in casa Napoli, attenzione alle parole su Lorenzo Insigne, giocatore che durante la finestra di mercato estiva lo stesso Raiola aveva accostato al Barcellona: "Ha un procuratore e una società alle spalle - Raiola sul gioiello dei partenopei - ho semplicemente espresso il mio apprezzamento per lui". Il pesante risultato dell'Olimpico contro la Lazio, ha gettato benzina su cui alimentare il fuoco che oramai arde in Raiola contro i rossoneri. Se questa sconfitta ha minato le nostre certezze? Schiena dritta, coniando il pensiero del direttore sportivo rossonero che spesso ha lanciato messaggi forti proprio nei confronti di Raiola dopo quello stop che sembrava definitivo ad inizio estate. Ma ora, si è di nuovo punto e a capo. Insigne ha un contratto fino al 30 giugno 2022, avrà 31 anni, e probabilmente arriverà all'ultimo vero accordo da chiudere in quei giorni. Un freno a meno può fare bene a volte però, basta guardare la Juventus. Ecco le sue parole: "Donnarumma resterà sicuramente al Milan l'anno prossimo?" Fuori dal campo è perfetto, di lui e della sua vita privata non si parla quasi più. In quell'occasione tra il procuratore e il club c'è stata una prima grande spaccatura, poi ricucita, o meglio rammendata alla buona.