Martedì, 19 Settembre, 2017

Qual. Mondiali: Spagna-Italia vale il Mondiale. Ventura:"Vogliamo essere protagonisti"

Qualificazioni mondiali Francia Lussemburgo 0-0 Qualificazioni mondiali Francia Lussemburgo 0-0 Di Giuseppe Catino 4 Settembre 2017
Marzia Fragale | 04 Settembre, 2017, 00:41

"Si è vista la differenza di condizione e di qualità, poi alcune cose le abbiamo sbagliate e regalate. Ora pensiamo alla partita di martedì, che è importante, poi vedremo". La realtà è che noi siamo umani e loro al momento lo sono un po' di meno. Stiamo portando avanti un discorso, non è una partita che può cambiare tutto.

La partita Spagna-Italia, che ricordiamo sarà valida per la qualificazione ai Mondiali del 2018 in Russia, verrà trasmessa come sempre in chiaro dalla Rai e sarà visibile su Rai 1 e Rai 1 HD dalle 20.45. Io credo che con il lavoro riusciremo a migliorare. Abbiamo curato ogni dettaglio prima di questa partita, abbiamo anche saputo soffrire.

Una brutta batosta per l'Italia di Ventura che esce sconfitta 3-0 dalla sfida contro la Spagna al Bernabeu di Madrid. Per arrivare al Mondiale dobbiamo fare un sacrificio ma tutti insieme. Se rimaniamo uniti e lavoriamo duramente, possiamo farcela. "Siamo convinti, ce la giocheremo fino alla fine e faremo l'impossibile per andare al Mondiale". Nella ripresa risultato arrotondato al 32' dall'ex juventino Morata, appena subentrato a un applauditissimo Iniesta, al termine di una veloce azione di contropiede. "La prepareremo al meglio dimenticando quanto accaduto stasera". "Andiamo avanti anche se abbiamo subito una sconfitta pesante".

Vettel secondo in Belgio, la Ferrari pensa già a Monza
Domani è un altro giorno, affronteremo una gara che prevedo non semplice nella gestione degli pneumatici, vedremo", ha concluso. Ho spinto ancora di più, e sono finito oltre il cordolo. "Speravo in qualcosa di molto migliore, ma a volte va così".

Un'Italia troppo spregiudicata, per quelle che sono le sue attuali qualità, è stata surclassata dalla Spagna. Nel primo tempo però abbiamo subito solo la punizione e il tiro di Isco senza occasioni nitide create da loro.

Ma il commissario tecnico azzurro è carico e vuole continuare sulla striscia positiva di quest'ultimo anno: dopo la sconfitta subita all'esordio contro la Francia, sono arrivati sette successi e due pareggi. Forse batterla non avrebbe lo stesso significato di quei giorni dei primi anni '80, perché un match delle qualificazioni, seppure decisivo, non ha lo stesso appeal di una finale, ma sarebbe un ottimo viatico per ciò che accadrà l'anno prossimo in Russia.