Mercoledì, 22 Novembre, 2017

Automotive News: gruppo cinese interessato a comprare Fca

Azioni FCA in volata, cinesi interessati all'acquisto Borsa Milano solida, sul Ftse Mib scatto di FCA su rumor offerte acquisto
Corrado Fuda | 16 Agosto, 2017, 23:55

Stando alle indiscrezioni di Automotive News, il governo di Pechino sarebbe interessato a far acquisire Fiat-Chrysler dai suoi colossi dell'automotive.

Inoltre,"delegazioni di diversi costruttori cinesi sarebbero state viste a Auburn Hills", quartier generale americano della società italo-statunitense, con sede in Olanda.

Tutto ciò, comunque, testimonia che Fca è un complesso produttivo interessante e conteso nel mondo. Lo riporta il giornale finanziario cinese Jingji Guancha Bao che cita le smentite dei diretti interessati, ovvero Great Wall Motors, Gac, Dongfeng e Geely.

Tina Cipollari in crisi con il marito Chicco Nalli? L'annuncio choc
Da mesi ormai si mormorava di una loro crisi, sempre smentita, ma si sa che quando il gossip indugia qualcosa di vero c'è sempre. Intervista dal settimanale 'Nuovo Tv', la Cipollari ha dichiarato infatti di aver deciso di prendersi una paura di riflessione .

Le notizie portano il titolo Fiat Chrysler Automobiles in evidenza a Piazza Affari con l'azione che balza al momento del 4% a quota 10,22 euro. Great Wall vende autovetture in 60 Paesi, compresa l'Italia.

Secondo una fonte di settore specializzata, Automotive News, dalla Cina è arrivata "almeno un'offerta" per FCA durante il mese di agosto, ma che la casa dell'automotive italo-americana avrebbe rifiutato poiché ritenuta essere troppo bassa. Insicrezioni di stampa spagnole affermano infatti che Acs ha difficiltà a mettere in piedi una contro offerta per il gruppo infrastrutturale iberico. A quanto pare l'eventuale accordo comprenderebbe i marchi Jeep, Ram, Chrysler, Dodge e Fiat, ma non Maserati e Alfa Romeo: questi ultimi verrebbero scorporati come avvenuto tempo addietro per Ferrari per andare a formare un polo del lusso automobilistico più profittevole per la controllante Exor (+2,8%). Ora, invece, l'abbattimento dell'indebitamento netto industriale sembra tornare a renderla appetibile. Ad oggi appare improbabile che un marchio come quello di Jeep possa finire in mani cinesi.