Martedì, 17 Ottobre, 2017

La crescita economica dell'Italia è sopra le attese

Il Fondo monetario alza le stime sul Pil dell'Italia. Frenano Usa e Gran Bretagna Pil Italia, il FMI rivede al rialzo le stime di crescita del 2017 e 2018
Corrado Fuda | 25 Luglio, 2017, 00:18

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, commentando oggi le previsioni del Fondo Monetario Internazionale che ha rivisto al rialzo la crescita dell'Italia, ha detto che si tratta di "numeri interessanti", ma ha avvertito che ci vorrà tempo perché il miglioramento del Pil abbia un impatto sulle condizioni di vita. La flessione nel breve periodo è dettata dall'incertezza per la Brexit.

Buone notizie sul fronte economico per gli italiani: il Fondo Monetario Internazionale ha infatti rivisto al rialzo le stime di crescita del Prodotto interno loro (il Pil) che quest'anno crescerà dell'1,3%, contro lo 0,8% previsto lo scorso aprile. L'area euro crescerà quest'anno dell'1,9%, ovvero 0,2 punti percentuali in piu' rispetto alle previsioni di aprile. Nonostante il Brasile stia attraversando una crisi politica ed economica, l'Fmi ha confermato la sua uscita dalla recessione quest'anno con +0,3%, anche se la ripresa sarà più bassa del previsto nel 2018 con un +1,3% al posto dell'1,7% precedente. Nel 2018 il pil salirà dell'1,7% (+0,1 punti percentuali). Resta invariata la stima per il 2018 (+1,5%). Quello francese è stato rivisto a +1,5% nel 2017 e +1,7% nel 2018 (+0,1 pp per entrambi).

Diretta Napoli-Chievo: dove vederla in tv e streaming online
NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Maksimovic , Koulibaly, Mario Rui; Allan , Jorginho , Hamsik; Callejon, Mertens , Insigne. Azzurri che cercano risposte alle prime settimane di preparazione, atletica e tecnica, effettuate nel ritiro di Dimaro .

Le previsioni di crescita per l'economia del Regno Unito non sono così rosee come nel resto d'Europa. La situazione cambia per la Gran Bretagna, per cui è stata rivista al ribasso dello 0,3% rispetto ad aprile la stima sul Pil di quest'anno, atteso all'1,7%. Nell'aggiornamento del World Economic Outlook, l'Fmi spiega come l'attivita' economica sia stata "piu' debole del previsto nel primo trimestre". I rischi però restano al ribasso e sono legati all'incertezza della politica di bilancio americana e ai pericoli finanziari esistenti in Cina.

La revisione al ribasso delle stime di crescita per gli USA, precisa il FMI, "riflette in parte la debole crescita del primo trimestre". Il Canada ha visto migliorare le sue previsioni per quest'anno al 2,5% (+0,4 rispetto alla stima di primavera), ma un po' limate per quanto riguarda il prossimo anno al +1,9% (-0,1).