Martedì, 22 Agosto, 2017

Morto Pino Pelosi, unico condannato per l'omicidio Pasolini

Un'immagine recente di Pino Pelosi Un'immagine recente di Pino Pelosi
Aida Italiano | 21 Luglio, 2017, 00:21

Pelosi fu fermato la notte stessa a Ostia alla guida dell'auto di Pasolini.

Da quel momento il caso Pasolini è stato riaperto per scoprire chi fosse l'eventuale killer, il quale, secondo Pino Pelosi, era ancora vivo.

ROMA È morto a 59 anni per un tumore Pino Pelosi, noto come "Pino la rana", condannato in via definitiva per l'omicidio di Pier Paolo Pasolini. "C'erano i due fratelli Giuseppe e Franco Borsellino, e un altro che non conosco", ha detto Pelosi, davanti al pm capitolino, Francesco Minisci. I Carabinieri lo sorpresero all'altezza del Lungomare Duilio di Ostia mentre guidava contromano ad una velocità superiore a quella consentita. Per la Cassazione, tuttavia, Pelosi è stato l'unico assassino del poeta. Pelosi confessò di aver trovato l'Alfa nei pressi del cinema Argo, nel quartiere Tiburtino, e di averla semplicemente rubata.

Incendi, emergenza al Sud. Fiorello: "Messina brucia"
Nel 2007, infatti, erano state 285 le domande, seguito dal 2012 con 233 richieste giunte dal 15 giugno al 10 luglio. Sull'A18 per il fumo è successo un incidente tra diverse auto con ferita una donna incinta.

A causa di una lite però, secondo quanto dichiarato da Pelosi, Pasolini avrebbe colpito il ragazzo con un bastone e lui, per difendersi, avrebbe a sua volta ferito il regista con un'insegna in legno: avrebbe poi lasciato Pasolini a terra, fuggendo con l'Alfa.

Il processo di primo grado per omicidio volontario, furto d'auto e atti osceni in luogo pubblico a carico di Pelosi iniziò il 2 febbraio 1976 e si concluse con una condanna a 9 anni, 7 mesi e 10 giorni, e a 30.000 lire di multa. Il delitto Pasolini si chiudeva quindi come una lite fra omosessuali finita male sebbene, come emerso nel corso degli anni, questa sarebbe stata solo la punta dell'iceberg.

Di anni ne sconta appena sette: nel 1982 ottiene la semilibertà, l'anno dopo la libertà condizionata. Sul delitto Pasolini però, tornò di nuovo nel 2005, cambiando nuovamente la sua versione dei fatti. Pelosi continuerà a commettere reati, per lo più rapine, fino al 2000.