Venerdì, 17 Novembre, 2017

Cern, la particella Xi ha un "fascino" in più

Scoperta al Cern particella con due quark pesanti: cosa prova Xi - VIDEO CERN scopre particella Xi: per un maggiore potere predittivo sulla materia
Desiderato Gatta | 07 Luglio, 2017, 00:39

Tuttavia, nei barioni finora noti, si trova al massimo un solo quark pesante, mentre la particella Xi ha due quark pesanti. La scoperta potrebbe aiutarci a capire finalmente una delle quattro forze fondamentali che governano l'universo, la forza gravitazionale, la forza elettromagnetica, la forza nucleare debole e la forza nucleare forte. L'hanno scoperta al Cern - grazie a uno dei quattro quattro rilevatori (il LHCb) dell'acceleratore più grande del mondo, il Large Hadron Collider (LHC) - e si chiama particella Xi, e il futuro passa per questa ricerca, l'inseguimento addirittura sarebbe durato decenni e alla fine gli scienziati "l'hanno portata a casa".

Si tratta di un barione, un tipo di particella subatomica molto comune composta da 3 quark.

La particella Xi gli studiosi la stavano cercando da tempo.

Secondo Abolhassan Jawahery, docente alla Università del Maryland e membro del progetto LHCb, "ovviamente si vuole scoprire tutti gli stati della materia, così che il quadro sia completo". L'osservazione di questa "nuova" particella rappresenta un grande traguardo nell'osservazione di tutte quelle particelle al cui interno è presente più di un quark pesante. "Trovata questa particella, ora cercheremo di osservare anche le sue due sorelle" ha aggiunto infatti Passaleva.

Genoa, l'Inter passa il Milan nella corsa a Pellegri
SORPASSOL'assalto della coppia Sabatini-Ausilio ha fatto saltare il banco, griffando il sorpasso nerazzurro sul Milan . Il blitz del duo Sabatini-Ausilio ha permesso ai nerazzurri di balzare in pole nella corsa al gioiellino del Genoa .

"Trovare una particella con due quark pesanti è di grande interesse perché può fornire uno strumento unico per approfondire la cromodinamica quantistica, la teoria che descrive l'interazione forte, una delle quattro forze fondamentali" ha spiegato Giovanni Passaleva, coordinatore del rivelatore LHCb del Large Hadron Collider. "Queste particelle contribuiranno così a migliorare il potere predittivo delle nostre teorie". Ciò però non ha nulla a che vedere con la nuova fisica, ma aiuta a completare l'immagine che abbiamo del modello dei quark.

La caratteristica particolare della particella Xi è la sua composizione: è l'unica particella scoperta in natura a possedere due quark pesanti (charm).

Insomma, diversamente dagli altri barioni, in cui i tre quark eseguono una specie di danza elaborata l'uno attorno all'altro, ci si attende che un barione di massa doppia agisca come un sistema planetario, dove i due quark pesanti giocano il ruolo di stelle pesanti che orbitano l'una attorno all'altra, con il quark più leggero che orbita attorno al sistema binario.

Ad esempio, i protoni sono formati da due quark up e un quark down, i neutroni da un quark up e due quark down.