Martedì, 25 Luglio, 2017

Addio a Stefano Rodotà, giurista, politico, accademico e primo Garante della Privacy

E-morto-Stefano-Rodot MORTO STEFANO RODOTA', GIURISTA E PARLAMENTARE FU IL PRIMO GARANTE DELLA PRIVACY
Edmondo Ceresa | 24 Giugno, 2017, 00:06

E' morto Stefano Rodotà.

Stefano Rodotà era sposato da più di 50 anni con Carla, collaboratrice di Repubblica; lascia due figli, Carlo e Maria Laura, giornalista di fama. Era nato a Cosenza, nel 1933, ma si era trasferito a Roma dove si era iscritto alla facoltà di Giuirisprudenza dell'Università "La Sapienza" dove si era laureato nel '55. Nominato dal Partito Comunista Italiano Ministro della Giustizia nel governo ombra voluto da Occhetto nel 1989 (anno in cui viene eletto al Parlamento Europeo), sceglie in seguito di aderire al Pds, il Partito Democratico della Sinistra, di cui è il primo presidente. Dal 1997 al 2005 è stato il primo garante per la protezione dei dati personali. È presidente del consiglio d'amministrazione dell'International University College of Turin.

È morto oggi all'età di 84 anni, il calabrese Stefano Rodotà, fine giurista e galantuomo della politica italiana. "Una vita di battaglie per la libertà", scrive su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Inter, Spalletti: "Mercato? Prima di acquistare bisogna cedere qualcuno"
CENTROCAMPO - Borja Valero lo seguivamo quando ero alla Roma e anche l'Inter lo seguiva. Il nostro obiettivo è quello di ridare la storia che merita a questo club.

Addio a Stefano Rodotà.

Nel 2013 viene proposto alla Presidenza della Repubblica. Nel 2010, ad esempio, ha presentato all'Internet Governance Forum una proposta per portare in Commissione Affari Costituzionali l'adozione dell'articolo 21-bis, che recitava: "Tutti hanno eguale diritto di accedere alla rete internet, in condizione di parità, con modalità tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale".

Il Campidoglio ha scritto in una nota: "La sindaca di Roma Virginia Raggi e l'Amministrazione capitolina esprimono il più profondo cordoglio per la scomparsa di Stefano Rodotà". Dalla laicità dello Stato al rapporto tra Stato e Chiesa, passando per i valori della Costituzione, il rapporto tra democrazia e religione, la bioetica e la libertà di stampa.