Mercoledì, 23 Agosto, 2017

IlVA. Il Mise ha ricevuto il parere richiesto all'Avvocatura dello Stato

Ilva di Taranto nei piani industriali fino a 6.500 esuberi Ilva, "Non siamo più disposti ad accettare ricatti dal Governo"
Corrado Fuda | 04 Giugno, 2017, 09:21

La nuova offerta per l'Ilva di AcciaItalia è sostenuta da Jindal e Del Vecchio, come annunciato ufficialmente. "All'approvazione del nuovo DPCM - aggiunge il ministero - è correlata la possibilità di un differimento del termine di completamento degli interventi ambientali attualmente fissato al 30 giugno 2017, consentendo così la prosecuzione dell'attività produttiva di Ilva anche dopo tale data nelle more del completamento degli interventi stessi". Un eventuale rilancio, precisa il Mise, presupporrebbe una nuova fase competitiva estesa a tutte le componenti delle offerte, quindi anche a nuovi piani industriali e ambientali. Impossibile, alla luce delle ultime dichiarazioni del ministro.

Gentiloni: con la Francia lavoreremo insieme per una Ue più forte
Lo dice il premier Paolo Gentiloni in conferenza stampa con il presidente francese Emanuel Macron, a Parigi . Da Macron anche "un pensiero al poliziotto e al militare feriti giovedì alla stazione di Milano".

AcciaItalia comunica di aver inviato già ieri sera la nuova offerta al ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, e ai commissari dell'Ilva, Piero Gnudi, Corrado Carrubba ed Enrico Laghi. Anche per questa divergenza rispetto a quanto evidenziato dall'Avvocatura di Stato, Cassa depositi e prestiti - che in AcciaItalia esprimeva l'amministratore delegato Lucia Morselli, oggi formalmente fuori dal cda - ha deciso di rescindere il rapporto. Ma la gara al momento resta chiusa perché dopo che i commissari hanno fatto la loro proposta di aggiudicazione al Mise dicendo sì ad Am Investco Italy, il comitato di sorveglianza del ministero l'ha approvata e ora Calenda si accinge lunedì a firmare il decreto. Secondo fonti vicine al dossier, infatti, la nuova proposta "è irricevibile da un punto di vista procedurale" e supera l'altra di soli 50 milioni dal punto di vista economico. AcciaItalia ha presentato un'offerta irrevocabile di incremento del prezzo di acquisto degli asset di Ilva, portandolo a 1.850 milioni, e l'impegno ad assumere immediatamente 9.800 dipendenti dei quali 2.000 impegnati nella realizzazione degli investimenti ambientali e industriali.