Mercoledì, 28 Giugno, 2017

Irregolarità col fisco: Perquisiti il Psg, Pastore e Di Maria

Inter: Di Maria e altri due grandi colpi Mercato – Blitz dell'Inter, quasi fatta per Di Maria: 50 milioni al Psg
Marzia Fragale | 27 Mag, 2017, 00:42

Ad Javier Pastore, invece, l'infrazione contestata ammonta a circa due milioni di euro. Adesso lo vuole l'Inter e l'argentino vuole i nerazzurri. L'argentino ha 29 compiuti lo scorso 14 febbraio e una valutazione in discesa, pensare di poter rientrare dell'investimento per l'Inter è praticamente impossibile, a maggior ragione se si conta anche il possibile impatto dell'ingaggio del calciatore (pur al netto dell'erario).

Palermo, sorpreso mentre tenta di violentare una donna, fermato un uomo
I poliziotti appena arrivati hanno trovato la donna ferita e picchiata e l'uomo che stava tentando di violentarla . Ha raccontato in lacrime di essere stata aggredita da un uomo che ha poi abusato di lei.

La nostra opinione. Per tornare a vincere l'Inter ha la necessità di investire su giocatori di personalità e che abbiano un passato importante fatto di successi a livello nazionale ed internazionale: Di Maria ha certamente tutte le carte in regola per rispettare tali crismi avendo vestito maglie di club prestigiosi: Benfica, Real Madrid, Manchester United e PSG con cui ha vinto una Champions League, una Supercoppa Europea e tre campionati in tre paesi diversi (Portogallo, Spagna e Francia). Uno di questi potrebbe essere proprio Di Maria. Marotta, dopo aver bloccato Schick della Sampdoria, ha intenzione di mettere a segno un altro grande colpo in attacco, l'amministratore delegato è alla ricerca di un esterno di alto livello e sta sondando varie piste. Sulle corsie laterali Dalbert è l'ultima idea di Ausilio: il ds ha trovato un accordo con brasiliano per 5 stagioni, ma la distanza con il Nizza, che per il cartellino chiede 12 milioni più bonus, è notevole. L'Inter sembra favorita sul Barcellona e sulla Juventus, anche grazie agli ottimi rapporti di Sabatini con il nuovo procuratore di Di Maria Pablo Sabbag. Totti, nonostante possa essere furioso con Pallotta e Spalletti per l'ultimo anno da emarginato, non può fare un torto così alla sua città e alla sua squadra del cuore.