Mercoledì, 28 Giugno, 2017

Trump al muro del Pianto, storica visita del presidente Usa

Immagine notizia Trump a Netanyahu ed Abu Mazen: "Occorroni passi verso la pace"
Vindonio Cherico | 23 Mag, 2017, 00:14

"Abbiamo un'opportunità rara di portare stabilità e pace nella regione, sconfiggendo il terrorismo e portando un futuro di armonia e pace".

"Apprezzo il fatto che Trump si sia recato al Muro del pianto e sia stato il primo capo di Stato Usa a recarsi lì, subito".

"Da 69 anni, Israele lotta contro tutti gli estremismi": queste le prime parole del premier israeliano, Benjamin Netanyahu, accogliendo in aeroporto il presidente americano, Donald Trump, appena atterrato in Israele.

"Apprezzo che il presidente americano Trump sia stato oggi al Muro del Pianto, il primo presidente in carica". Per qualche minuto si e' temuto un attentato palestinese, ma nel giro di pochissimo la polizia ha chiarito che si trattava di un incidente d'auto.

Lazio: con la Fiorentina turnover in vista della finale di Coppa Italia
Sessanta secondi dopo occasione anche per la Lazio , la punizione calciata da Luis Alberto sbatte sulla traversa e termina fuori. E' 2-1, rimonta completata. 75' AUTOGOAL LOMBARDI 3-1 - Kalinic è scatenato e cerca un tiro di precisione che sbatte sul palo.

Il presidente degli Stati Uniti è arrivato in Israele. I dati sono obbligatori al fine di autorizzare la pubblicazione del commento e non saranno pubblicati insieme al commento salvo esplicita indicazione da parte dell'utente. "Questo momento storico ci impone di rafforzare la nostra cooperazione".

Trump poi, nell'incontro con il presidente Rivlin, è tornato a parlare dell'Iran: "Usa e Israele possono dichiarare ad una voce che all'Iran non sarà mai, mai, mai concesso di avere un'arma nucleare". Trump ha per esempio invocato un'alleanza del mondo arabo sunnita contro l'Iran; ha messo sostanzialmente sullo stesso piano lo Stato Islamico, al Qaeda, Hezbollah e Hamas; è tornato a fare del terrorismo, e della paura, il fulcro della politica estera americana nell'area.

E anche sul conflitto israelo-palestinese Trump ha modificato un po la rotta rispetto alle prime dichiarazioni, molto sbilanciate a favore di Israele, tanto da mettere in dubbio il concetto dei due Stati in pacifica coabitazione come base di un possibile accordo. L'Iran "deve smettere il suo letale finanziamento, addestramento ed equipaggiamento di gruppi terroristici e di milizie". Così la figlia del presidente americano, Ivanka Trump, ha scritto su Twitter dopo la partenza da Riad. Solo di fronte al Muro, in raccoglimento e con il rituale copricapo in testa degli ebrei, ha sostato per qualche secondo in raccoglimento con la mano poggiata alle pietre millenarie.