Venerdì, 18 Agosto, 2017

Corea del Nord, Usa invia portaerei Vinson nella penisola coreana

Oggi il vertice Trump-Xi al centro commercio Corea del Nord ed economia Vertice Trump-Xi: al centro commercio, Corea del Nord ed economia
Vindonio Cherico | 10 Aprile, 2017, 00:31

Navi americane infatti si stanno spostano verso la penisola coreana.

Portaerei americane si muovono verso la penisola coreana nel Pacifico occidentale. Lo hanno reso noto fonti del Pentagono, confermando così ancora una volta la volontà di Washington di mobilitarsi contro le ambizioni nucleari di Pyongyang dopo i test missilistici degli ultimi due mesi. Lo riporta la Cnn citando un esponente dell'amministrazione statunitense, secondo il quale l'aumento della presenza nell'area è "necessario" dato l'atteggiamento della Corea del Nord che ieri ha sostenuto che l'attacco Usa in Siria giustificherebbe la decisione di Pyongyang di dotarsi, sviluppare e rafforzare i suoi armamenti nucleari. Il gruppo di navi da guerra da inizio marzo ha preso parte alle manovre congiunte di Usa e Seul nel mezzo delle tensioni intercoreane alimentate dal test missilistico del 12 febbraio e dall'omicidio del 13 febbraio a Kuala Lumpur di Kim Jong-nam, fratellastro del leader Kim Jong-un. Infine, la missione a Singapore attraverso il mar Cinese meridionale, teatro di aspri scontri e contese territoriali tra la Cina e i Paesi vicini. Il presidente degli Usa Donald Trump ha fatto sapere di essere intenzionato ad agire contro la Corea del Nord anche senza il supporto di altri Stati.

Calciomercato Napoli, Koulibaly: "Resto ma la Premier mi piace"
"Adesso non è il momento adatto per parlare di Calciomercato e di un mio approdo in Premier League ". Nel futuro non si può mai sapere, ora sono concentrato sul mio club.

Tra i temi principali in agenda del vertice c'era anche quello su nucleare e missili della Corea del Nord, di cui Pechino resta, malgrado l'irritazione per la continua imprevedibilità dei comportamenti, il suo alleato storico.

Inizialmente, il gruppo navale avrebbe dovuto fare rotta verso l'Australia, ma l'ipotesi di un sesto test nucleare o di lancio di un missile intercontinentale a ridosso del 15 aprile, data simbolo in Corea del Nord perché corrispondente al compleanno del fondatore dello Stato, Kim Il-sung, ha portato gli Stati Uniti a modificare il programma e tornare verso la Corea.