Mercoledì, 24 Mag, 2017

Senato: arrivata lettera dimissioni Minzolini

Minzolini si dimette da senatore: “Sono serio, non accetto lezioni da altri” Minzolini invia la sua lettera di dimissioni da senatore: “Io persona seria”. Ma Palazzo Madama può salvarlo di nuovo
Vindonio Cherico | 29 Marzo, 2017, 00:26

Adesso spetterà all'Assemblea di Palazzo Madama decidere se accettarle o meno.

Il senatore di Forza Italia aveva annunciato le sue dimissioni alla vigilia del voto con cui, a sorpresa, il 16 marzo scorso l'aula del Senato aveva detto no alla decadenza stabilita dalla legge Severino dopo la condanna in via definitiva per peculato per l'utililizzazione della carta di credito aziendale Rai. Quella è la storia della maggioranza che difende uno dei suoi. Che potrebbe ancora essere revocato dal Senato; ma nell'interesse della credibilità del parlamento e dello stesso Minzolini sarebbe opportuno che ciò non accadesse.

Pesce spada al mercurio: richiamate le trance della Effetti Surgelati
I lotti richiamati sono i numeri: 70898; 70899; 72476; 72477; 72478; 72838; 73409; 74330; 75185 . La loro data di scadenza è 27 maggio 2017 e hanno marchio di identificazione IT W2V5V CE .

Dopo la rimozione dall'incarico nel 2011, Minzolini su richiesta di Silvio Berlusconi si è candidatoalle elezioni politiche del 24-25 febbraio 2013 con la lista de Il Popolo della Libertà nella regione Liguria risultando il primo dei non eletti ma il 15 marzo 2013 Minzolini è stato proclamato senatore subentrante grazie alla decisione di Silvio Berlusconi, candidatosi in più regioni, di optare per il seggio della regione Molise. "Perchè sono una persona seria e non prendo lezioni da altri". "Adesso voglio tornare a fare il giornalista". Ha compiuto il gesto prima che venga discussa la sua posizione davanti al Tribunale di sorveglianza di Roma.

"Quello che ho fatto l'ho fatto per coerenza. Fermo restando che considero importante e molto interessante l'esperienza vissuta da parlamentare".