Martedì, 25 Aprile, 2017

Russia, tensione alle stelle. Arrestato l'oppositore Alexei Navalny

Russia tensione alle stelle. Arrestato l'oppositore Alexei Navalny Russia, tensione alle stelle. Arrestato l'oppositore Alexei Navalny
Vindonio Cherico | 27 Marzo, 2017, 00:22

Manifestazioni contro la corruzione, tutte senza il permesso delle autorità, si sono svolte anche a Vladivostok, Krasnoyarsk e Tomsk. "Molte persone si trovano sugli autobus che si stanno dirigendo verso le stazioni di polizia", ha detto la fonte secondo cui la maggior parte "verrà liberata dopo la contestazione di violazione amministrativa". La Polizia l'ha caricato su un autobus che è stato subito circondato dai manifestanti, come ha riportato Shaun Walker, corrispondente di The Guardian, nel video che riportiamo in questa pagina. L'accusa: aver infranto la legge che regola il diritto d'assemblea in Russia.

Ma la tensione è salita alle stelle con la folla che ha assaltato i mezzi delle forze dell'ordine al grido di "Fascisti, liberatelo". Lo ha annunciato la sua portavoce Kira Iarmych su Twitter.

Olanda, gli elettori dicono no al populismo, il premier Rutte esulta COMMENTA
Il premier si riconferma candidato al terzo mandato, ma ha davanti mesi di trattative per formare una coalizione di governo . Geert Wilders , l'outsider populista che (non) ti aspetti, ha molto in comune con Donald Trump .

Lo stesso Navalni, a quanto si apprende, rischia "una multa, lavori socialmente utili o 15 giorni di arresto amministrativo". I seguaci del blogger protestavano contro la corruzione diffusa nel paese e chiedevano le dimissioni del primo ministro Dmitry Medvedev. È probabile, infatti, che ci saranno delle ripercussioni. Secondo le agenzie di stampa sarebbero più di cento le persone fermate in seguito alle proteste: "La polizia russa ha arrestato a Mosca almeno 130 sostenitori dell'oppositore del Cremlino Alexei Navalny che partecipavano ad una marcia anticorruzione", ha affermato l'organizzazione OVD-Info, specializzata nel monitoraggio delle manifestazioni. Persino in Daghestan, 'feudò elettorale di Vladimir Putin, gli arresti sembrano essere oltre un centinaio.