Mercoledì, 28 Giugno, 2017

Crotone, tracciato il bilancio delle attività condotte sul territorio dalla Gdf

Palermo: lotta all'evasione fiscale e frodi, anno record per la Gdf (4) Guardia di finanza: sono 296 gli evasori fiscali scovati in Sardegna nel 2016
Moreno Simi | 24 Marzo, 2017, 00:11

Risorse, infine, sono e continueranno ad essere dedicate alla prevenzione non solo in chiave operativa, attraverso la quotidiana presenza sul territorio, bensì anche mediante la sensibilizzazione soprattutto dei giovani alla legalità economico-finanziaria quale condizione essenziale per la crescita e lo sviluppo del Paese.

Sono stati denunciati 297 persone, di cui 2 arrestati, responsabili di 167 reati fiscali, di cui oltre la metà riguarda gli illeciti più gravi: emissione di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazione fraudolenta, occultamento di documentazione contabile e indebita compensazione. Sono stati scoperti 215 "evasori totali", nonché 84 datori di lavoro che hanno impiegato 190 lavoratori in "nero" e 89 lavoratori irregolari.

Inoltre, sono stati confiscati, ai sensi della citata normativa, beni mobili e immobili, nonché quote societarie e diponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 1,4 milioni di euro. Dall'estate è stata poi avviata un'articolata attività di analisi delle strutture ricettive (come hotel e B&B) che ha permesso di individuare oltre 60 soggetti non censiti. Sono stati 24 gli interventi a contrasto ai fenomeni elusivi nazionali ed all'evasione fiscale internazionale. 32 gli interventi eseguiti in impianti di distribuzione stradale di carburanti. Nel mirino anche le sale slot con 135 interventi effettuati in sale giochi e centri di scommesse, dove sono state riscontrate irregolarità nel 12% dei casi, 12 denunciati e sequestrati sei computer. Individuate truffe nel settore previdenziale e al Sistema Sanitario Nazionale per oltre 71.000 euro, con la denuncia all'Autorità Giudiziaria di 7 soggetti.

In materia di danni erariali, quale referente principale della Magistratura Contabile, la Guardia di Finanza di Crotone ha segnalato, per connesse ipotesi di responsabilità erariale, 96 persone per aver cagionato danni patrimoniali allo Stato per circa 59 milioni di euro.

Pubblicati nuovi dati dei controlli delle attività di gioco eseguiti dalla Guardia di Finanza: in Lombardia irregolarità al 15 percento, in Emilia Romagna al 75 percento.

Caso Premium, giudice unifica causa Mediaset-Fininvest contro Vivendi
In un colloquio con il Financial Times pubblicato ieri, il manager ha definito "ingannevoli" alcune informazioni fornite da Mediaset su Premium prima dell'accordo.

Svolti 5 accertamenti economico-patrimoniali a carico di condannati e indiziati di appartenere ad associazioni mafiose e loro prestanome, che hanno riguardato complessivamente 29 persone fisiche e 16 fra aziende e società. Sequestrate disponibilità patrimoniali e finanziarie per il recupero delle imposte evase nei riguardi di responsabili di frodi fiscali per circa 460 mila euro ed avanzate proposte di sequestro per circa 3 milioni di euro. 34 sono le violazioni accertate in materia di trasferimenti di denaro contante per importi superiori alla soglia di legge prevista.

Eppure i numeri di sequestri preventivi e confische rendono perfettamente l'intensità dell'impegno quotidiano, partendo dall'attività investigativa che ha sviluppato, nel corso del 2016, 910 indagini, di cui 783 portate a termine. I finanzieri in servizio nel Bresciano si sono occupati di ottomila interventi e 910 indagini di polizia giudiziaria. E ben 58 segnalazioni "approfondite" inerenti a "possibili contesti di finanziamento del terrorismo". Inoltre sono state scoperte 4098 banconote false e sequestrati 53980 euro.

La base imponibile recuperata dalle Fiamme Gialle ammonta a circa 20 milioni di euro con un rapporto ottimale tra l'accertato ed il constatato del 92%. Nelle indagini svolte nei settori dei reati fallimentari, bancari e finanziari sono stati denunciati 86 soggetti. Tra i sequestri anche 270 slot irregolari e 9 postazioni di raccolta di scommesse clandestine.

Nel campo della lotta alla contraffazione ed alla pirateria audiovisiva, sono stati eseguiti 47 interventi e denunciate all'Autorità giudiziaria 11 persone. Il complesso delle attività operative realizzate nello specifico settore, nel contesto delle iniziative di contrasto all'abusivismo commerciale sviluppate con l'Accordo di Collaborazione "Azioni sinergiche per la sicurezza in riviera" promosso dalla Prefettura di Ravenna, ha consentito di sequestrare oltre 231.000 prodotti illegali (contraffatti, piratati, pericolosi o recanti falsa indicazione di origine). Per il consumo di stupefacenti sono stati segnalati alle Prefetture oltre 1.439 assuntori.