Sabato, 24 Giugno, 2017

Sci, CdM: gigante Aspen, trionfa Hirscher. Eisath quinto

Federica Brignone domina la prima manche del gigante di Aspen Federica Brignone domina la prima manche del gigante di Aspen
Corrado Fuda | 20 Marzo, 2017, 00:13

La competizione c'è e fa bene, come si vede! L'anno prima a Berchtesgarden, sempre in slalom, si materializzò quella che potremmo definire l'impresa del secolo per lo sci tricolore: un pokerissimo irripetibile che vide Gros, Thoeni, Erwin Stricker, Helmut Schmalzl e Tino Pietrogiovanna dominare davanti al resto del mondo. Come a Narvik nel marzo '96 con Compagnoni-Panzanini-Kostner, Brignone-Goggia-Bassino sul podio dello slalom gigante che chiude l'inverno sono la ciliegiona su una torta perfettamente riuscita, prelibata nel gusto e ammaliante alla vista.

Manchester City fuori dalla Champions. Flop Guardiola: "Mentalità sbagliata"
I francesi avevano solo undici giocatori di livello e lo si è visto al momento della sostituzione di Raggi . Pochi minuti dopo, lo stesso calciatore riesce a segnare la rete del momentaneo 1-0.

E' una giornata speciale per lo sci alpino italiano. "Quinta a 1" 30 è Sofia Goggia, autrice di almeno due errori senza i quali probabilmente sarebbe stata seconda anche se non poteva avvicinare la compagna di squadra, sesta la francese Tessa Worley che per ora salva la coppa di specialità dall'assalto di Shiffrin, settima la quarta azzurra, Manuela Moelgg. Sorride anche Marta Bassino, al terzo podio personale in stagione. Della carica elettrizzante di Sofia Goggia, che si mangia le porte manco fosse una pantera a digiuno da tre giorni, prendendosi di prepotenza il 13° piazzamento tra le prime tre del suo incommensurabile semestre. In parole povere Federica ha quasi un secondo di vantaggio su tre atlete che sono racchiuse nell'arco di un solo centesimo! Quarto posto per l'altro tedesco Stefan Luitz (1'51 " 11) che si lascia alle spalle l'azzurro Florian Eisath (1'51 " 39), autore di una grande rimonta dopo il 23° posto della prima manche, che chiude quinto ex-aequo con lo svedese Matts Olsson.