Giovedi, 27 Aprile, 2017

Sanità, piano nazionale vaccini: gratis per tutti e senza ticket

Salute firmati i livelli essenziali di assistenza 110 nuove malattie rare e novità sui vaccini Salute firmati i livelli essenziali di assistenza 110 nuove malattie rare e novità sui vaccini
Edmondo Ceresa | 17 Gennaio, 2017, 00:22

I Lea (Livelli essenziali di assistenza) sono le prestazioni e i servizi che il Servizio sanitario nazionale deve garantire a tutti i cittadini, con le risorse pubbliche, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di partecipazione (ticket). In quanto tale, rientrano nei Lea i vaccini gratis, senza il pagamento di alcun ticket per determinate fasce di età.

Con la firma del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è arrivato il via libera ai nuovi Lea, i Livelli essenziali di assistenza, l'elenco aggiornato delle oltre seimila prestazioni mutuabili, in stand bay da ben 15 anni. Lo stanziamento previsto, ha ricordato Lorenzin, è pari a 800 milioni. Fecondazione assistita eterologa ed omologa, nuovi vaccini, screening alla nascita, esenzione dal ticket per chi soffre di endometriosi.

Sono state incluse nei Lea anche vaccinazioni già inserite nel Calendario nazionale 2012-2014 e sono state aggiunte nuove vaccinazioni come l'anti-pneumococco, l'anti-meningococco, l'anti papillomavirus anche per gli adolescenti maschi e il vaccino anti influenzale per gli anziani.

All'interno anche i disturbi dello spettro autistico, che prevede nel percorso di diagnosi, cura e trattamento, l'impiego di metodi e strumenti basate sulle più avanzate evidenze scientifiche disponibili. Per i soggetti a rischio di tutte le età, sono previste tutte le vaccinazioni del Piano nazionale e le altre normative nazionali sull'argomento.

Enrico Mentana contro Beppe Grillo: "Lo querelo, si trovi un avvocato"
Formata da chi? "Da cittadini scelti a sorte a cui vengono sottoposti gli articoli dei giornali e i servizi dei telegiornali ". Cosa che può urtare la sensibilità di chi - come Mentana - si considera fuori dal "mucchio" dei "ballisti".

Malattie croniche. Introdotte sei nuove patologie esenti: sindrome da talidomide, osteomielite cronica, patologie renali croniche, rene policistico autosomico dominante, endometriosi negli stadi clinici moderato e grave, broncopneumopatia cronico ostruttiva negli stadi clinici moderato, grave e molto grave. E' stato previsto che per circa 118 patologie rare avverrà l'esenzione dalle spese mediche. Dal 2001 i Lea "non venivano aggiornati in maniera uniforme - sottolinea Lorenzin - noi abbiamo di fatto completamente riaggiornato l'elenco di queste terapie e prestazioni che prima erano in alcune Regioni totalmente a carico dei cittadini e in alcuni casi, ad esempio per piu' di 100 malattie rare, non era possibile averle gratuitamente in nessuna parte del territorio nazionale".

Il provvedimento introduce anche lo screening neonatale per la sordità congenita e la cataratta congenita; estensione a tutti i nuovi nati dello screening neonatale esteso per le malattie metaboliche ereditarie.

Vengono infine introdotte prestazioni di elevatissimo contenuto tecnologico come l'adroterapia, (radioterapia oncologica utilizzata per il tumore al cervello) o di tecnologia recente (enteroscopia con microcamera ingeribile o la radioterapia stereotassica, innovativa tecnica radioterapica non invasiva). Per esempio, i comunicatori oculari e altri ausili informatici per favorire la comunicazione; gli apparecchi acustici a tecnologia digitale; sensori di comando e controllo a distanza e altre attrezzature domotiche, come allarme e telesoccorso; arti artificiali a tecnologia avanzata; sistemi di riconoscimento vocale e di puntamento con lo sguardo; barella adattata per la doccia e sollevatori fissi e per vasca da bagno, maniglioni e braccioli sempre per il bagno, scooter a quattro ruote, carrozzine con sistema di verticalizzazione, carrelli servoscala per interni. In particolare, individua chiaramente tutte le prestazioni di procreazione medicalmente assistita (PMA), erogate a carico del Servizio sanitario nazionale e non più solo in regime di ricovero.