Martedì, 21 Novembre, 2017

Brasile, guerra tra gang in carcere: 10 morti, tre decapitati

Brasile, nuova strage in carcere: 10 morti, 3 decapitati Brasile: rivolta ad Alcazuz, 10 morti
Vindonio Cherico | 16 Gennaio, 2017, 00:22

Prosegue l'ondata di violenza nelle carceri brasiliane che, dall'inizio di gennaio, conta già un centinaio di morti.

La conferma arriva dal coordinatore del carcere Zemilton Silva, che ha disposto il blocco delle uscite del penitenziario, circondato dalla polizia, che però non è potuta intervenire se non dopo diverse ore: i detenuti, infatti, sono armati e controllerebbero ancora parte della prigione. Nel corso della notte nel penitenziario di Alcaluz, stato del Rio Grande del Nord, è avvenuta una sommossa fra bande rivali. La struttura può ospitare 620 persone, ma ce ne sono 1.083.

Migranti, arrivi record in Italia nel 2016
In tutto sono 503.700 i migranti che hanno attraversato illegalmente le frontiere dell'Unione europea, di cui 364.000 via mare. L'aumento degli sbarchi nella rotta centro mediterranea è, peraltro, l'unico che si registra in tutta Europa.

Nel novembre del 2015 in uno dei padiglioni dell'istituto di pena fu scoperto un tunnel scavato dai detenuti e scoppiò una sommossa. Sette giorni dopo, altre 33 vittime per una mattanza al Penitenziario agricolo di Monte Cristo, che si trova a Roraima, nel nord del Brasile. Secondo le autorita' locali, l'eccidio potrebbe essere stato provocato dalla gang Primeiro Comando da Capital (Pcc) per vendicarsi del massacro di suoi membri nella prigione a Manaus.