Venerdì, 18 Agosto, 2017

Da Consob via libera a conversione bond retail di Mps

Monte Paschi: le banche hanno concluso il prestito ponte per la cartolarizzazione delle sofferenze Mps lancia l'aumento di caitale di 5 miliardi di euro
Corrado Fuda | 17 Dicembre, 2016, 00:22

La possibilità di avviare l'operazione, che potrebbe partire già oggi e si potrebbe chiudere prima di Natale, resta però appesa al via libera della Consob a riaprire la conversione in azioni dei 2 miliardi di bond subordinati in mano ai piccoli risparmiatori, rimuovendo i paletti posti a tutela del retail che hanno limitato le conversioni a 98 milioni di euro nella prima fase dell'offerta.

Ieri il Cda di Mps aveva provato ad accelerare i tempi anticipando i dettagli dell'operazione che di ricapitalizzazione da 5 miliardi da lanciare sul mercato e che dovrà essere conclusa entro il 31 dicembre.

Incendio al poligono di Pinasca: vittima il pensionato torinese Michele Manconi
Secondo le prime testimonianze raccolte sembra che si sia verificata una forte esplosione nella postazione di tiro della vittima . La vittima sarebbe deceduta a causa dell'inalazione dei fumi dell'incendio scatenato all'interno del fabbricato.

In primo luogo, a differenza della 'prima' conversione chiusa lo scorso 2 dicembre, la banca potrà sollecitare direttamente l'adesione del retail, non essendo più previsto che la rete di Mps debba mantenere "un atteggiamento non proattivo, astenendosi dal raccomandare o consigliare l'adesione all'offerta". Il 35% delle nuove azioni è destinato agli investitori italiani (in particolare il 30% agli attuali soci della banca), mentre il 65% è destinato ad investitori istituzionali cui verrà rivolto un collocamento privato. E' quanto annuncia l'Istituto spiegando che le misure previste "si applicano esclusivamente ai clienti della Banca e a quelli di Banca Widiba", in quanto "obblighi connessi alla prestazione di servizi di investimento verso la propria clientela".Il titolo Monte dei Paschi apre in Borsa in rialzo del 3,1% a 21,3 euro.Scendono di 90 milioni i costi attesi nell'aumento Mps per il venir meno delle commissioni di garanzia che sarebbero andate alle banche con un contratto di garanzia. Molto ampia la forchetta di prezzo, che va da un minimo di 1 euro a un massimo di 24,9 euro.

Intanto Jp Morgan, Mediobanca, Credit Suisse e Hsbc hanno sottoscritto il bridge loan (prestito ponte) necessario per realizzare l'operazione di cartolarizzazione di 27,7 miliardi di sofferenze di Mps, parte del complesso piano di salvataggio che l'istituto senese ha messo a punto.