Sabato, 24 Giugno, 2017

Google lancia Contatti Sicuri, un'app per inviare Sos a parenti e amici

Google lancia Contatti Fidati: l'app da usare in caso di emergenza Arrivano i contatti fidati di Google
Desiderato Gatta | 07 Dicembre, 2016, 00:11

Con questa app per Android realizzata da Google possiamo permettere a familiari e amici di trovarci in caso di emergenza. È possibile chiedere all'utente di condividere la propria posizione: l'utente può accettare o negare la richiesta, ben evidente sul proprio smartphone, notificando così la propria sicurezza, ma nel caso in cui non dia conto di sé entro cinque minuti la posizione verrà condivisa automaticamente sull'email del contatto fidato che ne abbia fatto richiesta.

L'utilizzo di Contatti Fidati è davvero semplice ed intuitivo.

Google ha presentato e lanciato all'interno del Play Store una nuova applicazione, chiamata Contatti Fidati, la quale permette di far conoscere la propria posizione a persone fidate. Contatti Fidati funziona con ogni piccola emergenza in cui possiamo incappare nel quotidiano: l'app si limita a mostrare ai nostri contatti fidati a quando risale la nostra ultima attività e ci consente di inviare la nostra posizione in caso di pericolo o di emergenza.

Android 7.0 Nougat in test sul Galaxy Note 5
Ebbene, secondo fonti non ufficiali (parliamo di FoneArena ), la tecnologia sarebbe in arrivo già per il prossimo top gamma . Ecco Apple iPhone 8 (2017), leaks: conferme su display e processore, le novità di iPad Pro 3 .

Google, da anni al centro di malumori degli utenti, stavolta ha pensato anche a questo.

Condividere la posizione per un lasso di tempo: Se attraversi un tratto pericoloso, o se non ti senti al sicuro, hai la possibilità di scegliere un contatto e condividere con questa persona la tua posizione per un certo lasso di tempo fino a quando non sarai di nuovo al sicuro. Tutto ciò sfruttando le funzioni "Cronologia delle posizioni" e "Condivisione della posizione", attivabili per ogni account Google e necessarie per utilizzare l'app. In questo modo lui sa che stiamo bene ma non gli permettiamo di sapere dove ci troviamo.