Giovedi, 27 Aprile, 2017

E' cominciata la stagione dell'influenza: 127mila italiani colpiti dal virus

SPL  Contrasto SPL Contrasto
Edmondo Ceresa | 13 Novembre, 2016, 01:50

La scoperta è di un gruppo di ricercatori dell'Università della California a Los Angeles che - come si legge in un articolo pubblicato su "Science" - ha cercato di dare una risposta alle differenti caratteristiche epidemiologiche della pandemie di influenza aviaria del 2009 e del 2013.

"L'associazione di tre vaccini si prefigge l'obiettivo di proteggere soggetti particolarmente sensibili, quindi esposti maggiormente sia all'influenza che alle bronco-polmoniti - precisa Salvatore Ortu, direttore sanitario della Asl - il vaccino consente di prevenire nei soggetti sani l'infezione e, spesso, la malattia, e nei soggetti già ammalati le complicanze che derivano dalla nuova probabile infezione virale". La prima influenza che prendiamo, infatti, fornisce l'imprinting, determinando il modo in cui in futuro reagiremo al virus. Lo studio si propone di ricercare delle risposte alle epidemie di influenza aviaria che si sono verificate nel 2009 e nel 2013. L'H5N1 e l'H7N9 appartengono a gruppi distinti di ceppi virali, uno che include le sigle H1, H2 e H5, l'altro le sigle H3 e H7.

Secondo gli esperti i bambini e gli adolescenti sono più suscettibili ad H5N1, mentre gli adulti e gli anziani vengono infettati più facilmente da H7N9 (per entrambi si parla di influenza A). Lo spartiacque è considerato il 1968, anno a partire dal quale i virus di tipo 1 - che avevano dominato per quasi cinquant'anni - sono quasi spariti dalla circolazione, e hanno invece cominciato a diffondersi quelli di gruppo 2.

Riproduzione artistica del virus dell'aviaria. | SPL  Contrasto
Riproduzione artistica del virus dell'aviaria. | SPL Contrasto

L'ipotesi iniziale dei ricercatori è stata quella vincente: se si contrae un virus di un gruppo da piccoli, in età adulta si avrà immunità da anche contro gli altri dello stesso gruppo. Sono 127mila gli italiani costretti a restare a letto da metà ottobre.

"Questi risultati sfidano l'idea attualmente dominante, che di fronte a una pandemia causata da un nuovo virus influenzale tutta la popolazione sarebbe immunologicamente indifesa", ha detto Katelyn Gostic, coautore dello studio.

Le probabilità di prendere l'influenza sono per tutti molto elevate.

Sonia Lorenzini Uomini e Donne: post sui social scatena il gossip
Trono over . " Gemma accusa Tina ..." Nelle pagine seguenti le ultime news in arrivo dalla registrazione del trono classico e gay .